Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per mostrare servizi in linea con le tue preferenze. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Per non vedere più questo messaggio clicca sulla X.
Parrocchia Mater Dei.
thumb

Il 27 settembre 2021, si è tenuta l'Assemblea Parrochiale di inizio d'anno pastorale.

ASSEMBLEA PASTORALE DEL 27 SETTEMBRE 2021

Relazione del parroco, Don Flavio Peloso

 

IL SOGGETTO: LA PARROCCHIA SIAMO NOI CON GESÙ

“La parrocchia è la casa di tutti nel quartiere, non un club esclusivo, tiene aperte porte e finestre” (Papa Francesco).

La Parrocchia Mater Dei comprende l’insieme della gente che costituisce il suo tessuto vitale come un’unità nella quale confluiscono, a diversi livelli d’intensità, tre “soggetti” concreti:

a) L’«insieme della gente», il soggetto-popolo in quanto tale; è la popolazione inserita nell’ambiente e cultura di Monte Mario e che in qualche modo viene a contatto con la Parrocchia. È l’umanità dell’ambiente, ma non è precisamente quantificabile e qualificabile. È quel qualcosa che c’è, ma non si vede. È questo il soggetto più importante, quello che caratterizza l’obiettivo. Ne fanno parte tutti, anche i non praticanti, soprattutto costoro sono l’orizzonte dell’azione pastorale.

b) I «praticanti», nel senso più abituale del termine; coloro che nell’arco dell’anno vivono una reale esperienza di partecipazione e di comunione, fondamentalmente intorno agli appuntamenti mensili e settimanali (liturgie, catechesi, attività).

c) I «collaboratori pastorali», tutti coloro che svolgono, con diversa intensità, un qualche ruolo, ufficio o ministero nella comunità parrocchiale. Sono coloro che fanno sì che la Parrocchia sia tessuto e non aggregazione, popolo e non massa.

Teniamo presente che nel popolo di Dio della Parrocchia Mater Dei di Monte Mario sono inclusi non solo gli abitanti nel territorio parrocchiale ma anche quanti altri hanno con essa un riferimento/frequenza stabile.

Primo protagonista è Gesù e prima sede è la Chiesa.  La comunità cristiana nasce e si rinnova a partire dalla celebrazione settimanale dell’Eucarestia, “culmine e fonte di tutta la vita cristiana”, dall’ascolto della Parola di Dio, e dallo Spirito Santo presente nella nostra anima.

Centro di unità organica e della collaborazione nella Parrocchia è il Parroco, riferimento di unità con la Diocesi (Roma) e con la Chiesa universale.  La sede è in Via della Camilluccia 120, data in comodato dall’Opera Don Orione alla Diocesi di Roma.

Il Parroco è Don Flavio Peloso, normalmente presente tutti i giorni (a eccezione del venerdì): al mattino, a partire dalla Messa delle 9.00, fino alle 13; nel pomeriggio dalle 16 alle 19.30, e poi dopo cena. Ciò non significa che sia sempre seduto in ufficio (non sarei un parroco), ma ci sono normalmente. Se si telefona si è più sicuri. Collaboratore stabile nella Parrocchia è Don Giuseppe Bonsanto. Da quest’anno non c’è più un Vice parroco fisso (Don Luca è stato destinato all’Incoronata di Foggia) però la Provincia orionina (ha sede nella Villetta rossa) assicura collaborazione tramite Don Felice Bruno (consigliere provinciale) e Don Christian Chira (che lavora stabilmente in Vaticano).

La segreteria parrocchiale è curata da Don Giuseppe Bonsanto; è aperta dal lunedì al venerdì, dalle 9.30 alle 12.30, dalle 16.00 alle 19.00.

La comunione della Parrocchia è promossa dall’Équipe Pastorale di Animazione Parrocchiale (EPAP), che si riunisce una volta al mese, con compiti di comunione e di promozione delle attività della Parrocchia.

Il Consiglio Pastorale Parrocchiale (CPP) cura la comunione d’insieme della Parrocchia rappresentando i vari settori di attività.

Il Consiglio per gli Affari Economici (CAE), suggerisce e controlla il buon andamento amministrativo della comunità parrocchiale.



L’OBIETTIVO PASTORALE DELL’ANNO 2021-2022

In comunione con la Chiesa universale in missione, con la Diocesi di Roma che ci chiede di essere tutti discepoli missionari del Vangelo ed in sintonia con il carisma orionino che ci ricorda che siamo tutti chiamati a Instaurare omnia in Christo, la comunità parrocchiale Santa Maria Mater Dei, durante l’anno pastorale 2021-2022, attraverso liturgia, catechesi e relazioni, assume come obiettivo pastorale di coinvolgere la comunità cristiana nella missione dell’incontro.

 

IL PERCORSO


La vita e il cammino della Parrocchia sono strutturati attorno a SACRAMENTI - liturgia, PAROLA DI DIO - catechesi, CARITÀ – diaconìa. Offrire questi tre grandi beni è il suo compito specifico.


Il Settore Catechesi

È bene strutturato, con buon numero di ragazzi (circa 80, molto diminuiti) e di catechisti.

Prima Comunione: martedì e mercoledì, dalle 17.30 alle 18,30; Messa domenicale 10.30.

Cresima: martedì e mercoledì, dalle 18.30 alle 19,30; Messa domenicale 10.30.

Cammini di catechesi per adulti (Fausta Punzi, mercoledì ore 17.30). Durante l’anno ci saranno due corsi formativi per adulti.

La catechesi del Battesimo e del Matrimonio viene attuata per singole coppie o per gruppetti quando possibile.

Altre forme di catechesi sono realizzate mediante ritiri di Avvento e Quaresima, novene, unzione degli infermi, benedizione delle case…

In questo settore, è da considerare il Gruppo di giovanissimi, animato da Giorgia, Federico, Sr Emilia, con un percorso di amicizia e di esperienze di vita, sempre nella luce cristiana.

Ho preso contatti e sto valutando di avviare le “cellule parrocchiali di evangelizzazione”, una forma di nucleo di vita cristiana in famiglia e tra persone che possano incontrarsi nell’orario a loro possibile con un sostegno di contenuto dalla Parrocchia.


Il Settore Liturgia: le liturgie sia festive che feriali (9.00 e 18.30) sono celebrate dignitosamente, normalmente è ben curata l’omelia (anche feriale). Il numero dei frequentanti si è notevolmente ridotto in questi due anni di Covid.

La liturgia è un ambito importante della vita parrocchiale e occorre promuoverlo e organizzarlo con responsabili laici per le letture, il canto/musica e altri servizi.

Come ogni anno c’è da rilanciare la formazione del Gruppo di Ministranti.

Ci sono cinque ministri straordinari dell’Eucarestia che danno la comunione durante le Messe e la portano a malati e anziani e promuovono la carità spirituale mediante piccoli ministeri della consolazione (per chi è solo, anche del Centro Don Orione). Va incoraggiata la pratica della comunione in casa per malati e anziani, come pure la richiesta dell’Unzione degli Malati.

Confessioni: c’è sempre un sacerdote disponibile a partire da 15 minuti prima delle Messe festive e, su richiesta, anche durate la settimana, negli orari di ufficio.

Adorazione eucaristica: al giovedì, dalle 17.30 alle 18.30.


Il Settore Carità e Servizio (Diaconìa): attualmente comprende il servizio del gruppo della Caritas, strutturato e con l’aiuto di alimenti e vestiario. Alla fine dell’anno scorso è stato costituito anche il Centro di Ascolto Caritas per venire incontro alle persone in necessità con interessamento legale, lavorativo, assistenziale.

Pietro Scuricini tiene il collegamento per gli aiuti dal Banco Alimentare e per le Adozioni a distanza; c’è bisogno di altri collaboratori. Continua la Donazione del sangue per l’Ospedale Bambin Gesù.

C’è bisogno di un Gruppo – che chiamerei Santa Marta – per occuparsi in parrocchia di cose pratiche da fare e provvedere: penso alla cura della chiesa, al parchetto da tenere in ordine; all’offrire la cioccolata e una fettina di dolce alla domenica; ai preparativi di feste e di incontri… Anche con questi servizi la Parrocchia diventa “casa”, nostra.


Pastorale dell’incontro. La spinta pastorale della Diocesi di Roma è indirizzata a motivare tutti i laici cristiani nell’ascolto e nell’annuncio/testimonianza delle persone che incontrano nelle proprie famiglie, nel lavoro e nelle relazioni quotidiane con quanti non sono credenti o che normalmente non frequentano la chiesa. Nel mondo secolarizzato d’oggi, la missione è soprattutto svolta dai laici cristiani che sono “nel secolo”.

Quanto già c’è: iniziative ed eventi culturali (teatro) e sociali; il gioco, le relazioni nel cortile dei gentili; la Palestra e LaDiDiDanza e quanto altro viene attuato dobbiamo intenderlo come occasione di incontro con i “parrocchiani” (quelli che stanno presso e fuori della chiesa).

Personalmente, come parroco, trovo che l’incontro con la cerchia più numerosa di non credenti e non frequentanti avviene in occasione del catechismo per il battesimo, la prima comunione, il matrimonio e le Messe di funerale; è una responsabilità la buona relazione con le persone incontrate in questi contesti. Tutti dobbiamo avere la premura che i nostri contatti lascino un segno di fraternità.


La comunicazione. Data la realtà di vita frammentata, i costumi e i ritmi di vita molto individuali degli abitanti del territorio, assume particolare urgenza curare le comunicazioni in modo pastorale, con tutti i mezzi a disposizione.

Dovremo fare una valutazione – al termine dei problemi per il Covid – se riprendere l’azione dei Messaggeri come ambasciatori del messaggio della Parrocchia nel proprio palazzo. So che molti si tengono informati con il sito e la pagina facebook della Parrocchia.

Sto raccogliendo una vasta mailing list per la comunicazione rapida e discreta di informazioni e notizie della Parrocchia. Aiutatemi a formarla segnalando mail di desidera essere informato.

Per tenersi aggiornati e collegati con la Parrocchia:

Telefono: 06.35420750   - flavio@pcn.net

Sito: www.parrocchiamaterdei.it   -   Facebook: ParrocchiaSantaMariaMaterDei

 

Lascia un commento
Code Image - Please contact webmaster if you have problems seeing this image code  Refresh Ricarica immagine

Salva il commento

thumb
Buonanotte del 5 dicembre 2021